Nel mio primo articolo citai papa Bergoglio per rimarcare la presa di posizione della Chiesa Cattolica sulle vaccinazioni anti-COVID 19. Tra i cattolici più integralisti però si sono scatenate numerose polemiche e di questo dovrebbe fregarcene meno di zero, eppure è un argomento da affrontare anche perché non fa altro che riesumare l’ennesimo scheletro nell’armadio vaticano.

Questo articolo fa parte di una serie che tratta i rapporti tra vaccinazioni e religioni.

Il documento del 2005
Un primo documento della pontificia accademia per la vita sull’eticità dei vaccini risale al 2005. [1]
Nel testo viene esplicitato che i vaccini prodotti grazie all’uso delle linee cellulari di feto sono da considerarsi immorali per un cattolico ad eccezione di alcune condizioni: non devono esserci vaccini alternativi e la non vaccinazione non deve “far correre dei rischi di salute significativi ai bambini e, indirettamente, alla popolazione in generale”.
Bisogna sottolineare che quel “danni significativi” è molto interpretabile, non è una misura di quantificazione di un rischio, in più un vaccino viene prodotto SEMPRE per proteggere contro una malattia che danneggia il singolo e la collettività, con questa frase si sottintende che esistano vaccini inutili.
Non viene citato nessun vaccino inutile o inefficace, ma non è un pregio, in base alle conoscenze del singolo può spingere una persona ad accettare o a rifiutare le vaccinazioni.
Vengono considerati immorali chi produce quei vaccini, dai ricercatori alle stesse case farmaceutiche e tutti quelli che riconoscono etico l’utilizzo delle linee cellulari per poterli produrre, vengono specialmente attaccate le autorità sanitarie e i sistemi sanitari che li approvano.
Il documento invita i fedeli a chiedere che vengano prodotti vaccini alternativi e citando il catechismo della chiesa cattolica viene giustificata l’obiezione di coscenza (!) [2]
Oltre che ad altri dettagli il documento esige la necessità di “lottare e di usare ogni mezzo
lecito per rendere difficile la vita alle industrie farmaceutiche che agiscono senza
scrupoli etici”.
Per chi non sapesse come fossero fatti i vaccini contro i virus sappia che per poter produrli serve un antigene virale del virus da “combattere”, per averne il più possibile si utilizzano le linee cellulari come terreno di coltura dei virus, quando possibile si utilizzano anche linee cellulari animali ma in certi casi non è biologicamente possibile farlo e comunque non ci sono rischi nell’usare l’una o l’altra e soprattutto nel prodotto finito non ce n’é traccia [3].
Si utilizzano le stesse linee cellulari dagli anni ’60 e ’70.
Forse il problema più grosso di tutti è sicuramente che se a decidere quali vaccini fossero appovati ci fosse la chiesa cattolica al posto dell’AIFA, questa non li avrebbe approvati.
Infatti ritiene immorali gli enti che li approvano, con tanta ipocrisia nel dire che se non ci fosse un’alternativa andrebbero utilizzati.
Se fosse per la chiesa non avremmo, per esempio, il vaccino trivalente morbillo-parotite-rosolia.
Altra cosa tipica della chiesa cattolica: richiedere che il mondo applichi per legge i suoi concetti morali, infatti qui ci ritroviamo un attacco alle case farmaceutiche, che i cattolici dovrebbero spingerle a produrre vaccini “senza problemi morali” e istituire “controlli legali rigorosi”.
Oltre a ignorare i motivi per cui vengono utilizzate le cellule che fanno piangere Gesù, questa narrazione può spingere a non fidarsi anche dei vaccini che non usano le linee cellulari, anche perché da come l’hanno raccontata, sembra come se non ci fossero controlli sulla produzione dei prodotti delle case farmaceutiche, una narrazione molto in voga tra antivaccinisti e complottisti.

Posizioni simili sono rimarcate nel documento “Dignitas Personae”. [4]

Documento del 2017
Un altro documento arrivò nel 2017, [5] in un contesto nel quale l’antivaccinismo causò un calo delle vaccinazioni pediatriche abbastanza grosso da causare alcune epidemie, come una di influenza in Italia [6] e una di morbillo in tutta Europa [7] e si stava cercando di sensibilizzare la popolazione ricordando loro l’importanza delle vaccinazioni.
In Italia venne approvata una legge che prevede un obbligo vaccinale per accedere alle scuole dell’infanzia e multe ampliato ad altri vaccini il 31 luglio del 2017, [8] l’esatto giorno dell’uscita del documento della PAV, quindi stiamo parlando di un tema oggetto di dibattito in tutto l’occidente da diversi anni.
Il breve documento, scritto probabilmente in fretta, prova a riscrivere quanto detto nel 2005: viene scritto che il dovere morale è quello di garantire la copertura vaccinale, quando nel documento precedente non viene mai citata.
Si afferma la necessità di revisionare il documento nel 2005, dicendo che non bisognerebbe più condannare l’uso di linee cellulari perché ottenute diversi decenni prima e quindi non costituirebbe più un atto immorale usarle. Non è stato aggiornato.
Da come si può vedere, i due documenti sono in parte contraddittori tra di loro.

La posizione sui vaccini COVID
Nel 2020, la congregazione per la dottrina della fede pubblicò un documento sulla moralità d’uso dei vaccini anti COVID, [9] nei punti principali sottolinea come il “Dignitas Personae” da delle colpe diverse di immoralità in base alla responsabilità.
Nel caso non fossero disponibili vaccini “moralmente ineccepibili” è “moralmente accettabile” utilizzare i vaccini prodotti con l’utilizzo delle linee cellulari “nella loro ricerca e produzione”.
Dato che la COVID 19 sarebbe una patologia grave che causa gravi danni alla collettività vengono sdoganati tutti i vaccini.
Nonostante venga rimarcato che il fine giustifichi i mezzi viene comunque condannato l’utilizzo in generale delle linee cellulari da feti abortiti.
Per la chiesa le vaccinazioni non sono un obbligo morale e devono essere facoltative, ma viene chiesto a chi non si vuole vaccinare di proteggersi in altro modo per non diventare veicolo di infezioni.
Viene infine chiesto ai vari stati di mettere a disposizione i vaccini anche per i paesi più poveri.

Come prima cosa il vaticano non cita quali vaccini sarebbero morali o no. Rispondo io a questo: i vaccini di AstraZeneca e Jhonson&Jhonson sono prodotti utilizzando le linee cellulari, mentre i vaccini Pfizer e Moderna non richiedono le linee per la loro produzione ma per poter studiare prima il virus sono state indispensabili.
Anche in questo caso non ci sono vaccini che il vaticano riterrebbe morali ma la cosa peggiore è che grazie alle linee cellulari testiamo numerosi farmaci antivirali in tutto il mondo, condannando anche la ricerca condannerebbero anche molti farmaci salvavita.
Un’altra posizione che giustifica l’esitanza vaccinale è proprio quella sulla legittimità morale del rifiuto, in realtà chiunque rifiuti un vaccino se non per motivi medici commette OGGETTIVAMENTE uno sbaglio. Il solo pensare che indossando una mascherina non si diventi un pericolo per la società è un altro grosso errore, infatti non solo bisogna indossarla correttamente ma ci sono situazioni in cui la mascherina non si può tenere sempre addosso o non basta.
Il vaticano fa per l’ennesima volta la morale sugli altri, chiedendo vaccini per i più poveri, non solo quando ci sono medici di tutto il mondo che chiedono lo stesso, ma soprattutto con la grande ipocrisia di non donare dei soldi per aiutare il programma Covax (lanciato un mese prima del documento della Congregazione per la Dottrina della Fede) [10], al massimo si sono viste delle richieste di elemosina da parte dei fedeli per comprare i vaccini, come a Seul [11] o a Roma, [12] dove il papa avrebbe “donato” 1200 dosi comprate attraverso l’Elemosiniera Apostolica e pagate con le donazioni.

Conclusioni
Questi documenti sono un classico della Chiesa: prendere delle posizioni retrograde per poi lentamente cambiarle sperando che nessuno se ne accorga, spesso cambiandole solo di facciata, un po’ come la presunta apertura alle coppie omosessuali. [13]
Questo infatti non è un cambio di direzione, si tratta di posizioni contraddittorie senza che venisse esplicitato che uno di questi fosse un documento obsoleto e non più valido.
Questo genera diverse interpretazioni tra i cattolici e numerosi integralisti che affermerebbero che i vaccini non fossero morali per loro non hanno torto.
Di questo a noi atei non dovrebbe minimamente interessarci, eppure è importante per non cadere vittime della propaganda della Chiesa che tenta sempre di farsi passare come baluardo della moralità.

FONTI

[1] Riflessioni morali circa i vaccini preparati da cellule provenienti da feti umani abortiti, Pontificia Accademia per la Vita, 2005: https://www.colibripuglia.it/Download/documentazione_medico_legale/PontificiaAcademiaProVita_Riflessioni_morali_circa_i_vaccini_preparati_da_cellule_provenienti_da_feti_umani_abortiti.pdf

[2] Catechismo della Chiesa Cattolica (N°1868): https://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s1c1a8_it.htm

[3] “Feti nei vaccini“, Barbascura eXtra: https://www.youtube.com/watch?v=8rAw97lIkQU

[4] Dignitas Personae, Congregazione per la Dottrina della Fede, punti 34-35: https://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20081208_dignitas-personae_it.html

[5] Documento sui vaccini del 2017, Pontificia Accademia per la Vita: https://www.academyforlife.va/content/dam/pav/documenti%20pdf/2017/vaccini%20italia.pdf

[6] Investigating the impact of influenza on excess mortality in all ages in Italy during recent seasons (2013/14-2016/17 seasons), Aldo Rosano, Antonino Bella, Francesco Gesualdo, Anna Acampora, Patrizio Pezzotti, Stefano Marchetti, Walter Ricciardi, Caterina Rizzo: https://www.ijidonline.com/article/S1201-9712(19)30328-5/fulltext

[7] Decline in reported measles cases in Italy in the COVID-19 era, January 2020 – July 2022: The need to prevent a resurgence upon lifting non-pharmaceutical pandemic measures, Giacomo Facchin, Antonino Bella, Martina Del Manso, Maria Cristina Rota, Antonietta Filia: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0264410X23000336?via%3Dihub

[8] Legge Vaccini (119/2017), Gazzetta Ufficiale: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/08/5/17G00132/sg

[9] Nota della Congregazione per la Dottrina della Fede sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-Covid-19, 21.12.2020: https://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2020/12/21/0681/01591.html

[10] Programma COVAX, Nazioni Unite: https://unric.org/it/che-cose-covax/

[11] La Chiesa invia alla Santa Sede aiuti per i vaccini anti-Covid ai paesi poveri, Agenzia Fides: https://www.fides.org/it/news/70251-ASIA_COREA_DEL_SUD_La_Chiesa_invia_alla_Santa_Sede_aiuti_per_i_vaccini_anti_Covid_ai_paesi_poveri

[12] “Il Papa dona 1.200 vaccini per i più poveri di Roma”, Avvenire: https://www.avvenire.it/papa/pagine/1-200-vaccini-per-i-piu-poveri-di-roma-e-l-iniziativa-del-vaccino-sospeso

[13] “La Chiesa approva le BENEDIZIONI alle coppie GAY”, Padre Kayn: https://www.youtube.com/watch?v=kM4CrJ9Uoxc

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *